Garage Italia Milano – design, food and passion

–VERSIONE ITALIANA SOTTO–

Milan is well known for being the Italian “place to be”: even an old gas station can be turned into a modern and fantastic place where design and luxury cuisine merge together.

That’s what happened to the ex Agip service station in Piazzale Accursio: this station was commissioned by Enrico Mattei, ENI founder and president, and designed by Mario Bacciocchi in 1952. What makes it special is that it’s not a simple gas pump like the ones you can see everywhere in the street: it is rather an iconic Agip (gas) station (Milan Supercortemaggiore) that became the symbol of a whole age; there’s also a similar copy of this station in Asmara, in Eritrea! The idea behind this building is a fuselage, a shape that follows the so-called American “Streamline”: this industrial style takes inspiration from aerodynamic shapes and has been broadly used during the Italian economic boom. The innovative architecture splits the square in two parts, taking travelers to stunning places by walking through the two separate streets. Unfortunately, this building has been neglected for several years and was therefore destined to a predictable deterioration. However, things changed in 2017: Lapo Elkann financed a recovery action and Michele de Lucchi got in charge of the project; the old building was eventually coming back to life.

As far as the exterior concerns, the original appearance of the building has been preserved and, if you stop by, you may wonder how it’s possible to maintain a shimmering white surface in spite of traffic and pollution. Here’s the trick: a light-sensitive polish called “Airlite” was used. This magic product comes from the startup Advanced Materials (whose members are Massimo Bernardoni, Antonio Cianci and Arun Jayadev) and it consists of a powder polish that activates when exposed to the light and acts by transforming polluting agents into salt molecules. And there’s more: painting a 100m2 surface with Airlite is like having a 100m2 forest with the advantage that it can kill almost every kind of virus and bacterium; it provides safer air and prevents from allergies, itchiness, headache, asthma and genetic disorder. Moreover, heating and cooling water used inside the building is stored from the underground aquifer through specialized machinery: an eco-friendly approach that perfectly mirrors the needs of our contemporary society!

As far as the interior concerns, great changes occurred: the building is now displayed on two different levels with specific purposes. The ground floor, which is the old workshop (as you can see from the drawbridge workers used to lift cars), is now a bar-bistro. What’s more, this space also includes an exhibition area and there are stained glass windows that separate the main hall from the so-called “Materioteca”, a specialised corner for car/motorbike/boat/aircraft personalisation. On the first floor there’s a terrace and a starred restaurant run by the famous chef Andrea Ribaldone.

On the underground floor there are unique bathrooms: they represent a boat interior with wooden panels.

The general atmosphere is extremely innovative: there’s an harmonious blend of engine, design and food/beverage aspects that successfully merge together. The first space people see when coming in is the bar-bistro area, characterised by a stunning installation on the ceiling: more than 1000 model cars form a big cloud that leaves people speechless; the corner is then accessorised with important pilots’ heirlooms, Miami-decò-style lamps, a track-shaped counter and Cassina’s chairs.

The following area people have access to is the exhibition one, where the Milanese atelier often exposes personalised cars: at the time we had the chance to visit it, there was a 4×4 first-class Panda, that had been converted to an electric car and had been personalised with cloth interiors signed by Vitale Barberis Canonico (a prestigious wool mill from Biella that has been operating for more than 350 years). This car is one of the five 4×4 Panda “icon-e”, a new project by Garage Italia that aims to recover old iconic models converting them into electric cars. The “Materioteca” finds place in the old workshop offices and it is decorated with Kartell furniture: their iconic chairs have been personalised by using old sports cars liveries. Polished sheets with different textures and colours have been chosen to furnish this space and they represent the possible processes that can be applied to the car body. There’s also a kind of bookshelf where cloth and leather are exposed: the main partner for cloth is Vitale Barberis Canonico, while leather is usually purchased by Fogliazzo; among the most unusual materials there are tailoring fabrics, purebread leather with golden details and vegetal leather derived from a giant leaf.

 You can go up to the first floor by elevator or by stairs: the elevator has a seat with leather lining and you’ll hear the typical sound of a sport scar while door open; on the other hand, stairs are covered with a non-slip resin decorated with tyre marks.

The restaurant is of course linked to the engine topic: there’s a toy-cars track on the ceiling, chairs are faithfully inspired from car seats (it is also possible to turn up/down the arm of the chair just like in a real car), there’s a 250 GTO reproduction in the middle of the area and the room is enlightened by light spots inside mufflers (this system has been carried out by Viabizzuno, an important company that realise installations such as the new lights on Mosè statue in San Pietro in Vincoli in Rome). On the same floor there’s the small dehors “Riva Privée”, which look above Piazzale Accursio, and a big terrace in the back: here you’ll find a warm and sunny atmosphere conveyed by tropical plants and it’s right here that the big sign “Garage Italia” stands. Stop by at night and you’ll see how coloured neon lights can totally change the location!

Every single detail has been carefully planned so to make this building a urban landmark; as a matter of fact, Portello district is going under a series of recovery projects by Alpha District, the new Milanese design district that pursues the idea of movement, connection, exchange and evolution.

 FollowMi Around had the chance to take part to an unscheduled visit at Garage Italia thanks to Michele Bombardieri, Facility Manager at Garage Italia. We want to thank him for the wonderful tour he allowed us.

 

Author: Andrea Cortinovis (Social Media Manager at FollowMi Around) 

 

–ITALIANO–

A Milano, il “place to be” in Italia, anche un’ex stazione di servizio può trasformarsi in uno spazio moderno, fantastico, dove il design e la cucina di lusso prendono casa.

Così è successo alla ex stazione di servizio Agip in piazzale Accursio, voluta da Enrico Mattei, fondatore e presidente dell’ENI e progettata da Mario Bacciocchi nel 1952, questa però non è una semplice pompa di servizio come le tante che costellano le strade che ogni giorno prendiamo, ma è l’iconica stazione Agip Supercortemaggiore di Milano simbolo di un’epoca e di cui ce n’è un altro esemplare simile ad Asmara, capitale dell’Eritrea. Questo edificio è stato progettato pensando ad una fusoliera, ispirandosi allo stile cosiddetto Streamline che di origine statunitense caratterizza il disegno industriale e si ispira a frome areodinamiche, ed è il simbolo degli anni del pieno miracolo economico italiano con una sorprendente architettura che divide la piazza: due vie si snodano e portano il nuovo viaggiatore in luoghi magnifici. Per molti anni questa bellissima architettura è rimasta abbandonata al suo destino di incompresa decadenza. 

Nel 2017 ha riaperto però i battenti grazie all’intervento di recupero voluto da Lapo Elkann e 

grazie al progetto firmato da Michele de Lucchi. 

Esternamente l’edificio mantiene il suo aspetto originario, anche dovuto al fatto dei vincoli al 

quale è stato sottoposto l’edificio, e c’è di più: se siete in zona non potrete fare a meno di 

chiedervi come può un edificio simile localizzato in quell’area, dove il traffico è intenso, a 

rimanere così bianco. Ciò è presto detto: per le pareti esterne dell’edificio è stata utilizzata 

una vernice fotosensibile, utilizzabile sia per esterni che per interni, che distrugge 

letteralmente l’inquinamento. Questa vernice si chiama Airlite, ideata dalla startup Advanced 

Materials composta da Massimo Bernardoni, Antonio Cianci e Arun Jayadev, e si tratta di 

una vernice in polvere che unita all’acqua, contenente biossido di titanio, si attiva tramite la 

luce, sia naturale che artificiale, trasformando gli agenti inquinanti in molecole di sale. E non 2​ 

è tutto: una superficie di 100 mdipinta con Airlite corrisponde alla medesima superficie coperta con alberi ad alto fusto, come un bosco, in più distrugge quasi la totalità di batteri e virus, sia resistenti agli antibiotici che efficaci su altri batteri pericolosi per la salute umana, creando così ambienti più sicuri e sani ed evitando allergie, pruriti, mal di testa, asma e disturbi generici.
E l’attenzione all’ambiente non finisce qui: l’acqua utilizzata per il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti è raccolta tramite speciali macchinari dalle falde sotterranee. Un vero è proprio progetto ecosostenibile, al passo con i tempi!
Internamente lo spazio è stato completamente rimaneggiato, dispiegandosi su due livelli distinti: al piano terra, in quella che una volta era l’ex officina (si può notare infatti la presenza del ponte mobile, utilizzato dai meccanici per sollevare le automobili), v’è un bar-bistrot e lo spazio espositivo delle automobili e degli eventi che vi organizzano, mentre delle vetrate dividono il grande spazio centrale dalla Materioteca, vero cuore del progetto Garage Italia, uno spazio dedicato alla personalizzazione di auto, moto, barche e velivoli. Al primo livello è presente il ristorante e la terrazza, di Andrea Ribaldone, chef stellato di assoluta importanza. 

Al piano interrato sono presenti i bagni progettati ispirandosi agli spazi di un’imbarcazione, da notare infatti l’ampio uso di pannellature in legno. 

All’interno dello spazio il connubio fra motori, design e food and beverage dona allo spazio un’impronta importante ed innovativa: si accede allo spazio nella zona bar- bistrot dove al soffitto è presente un’installazione che ricorda una nuvola, composta da oltre 1000 modellini di automobili e da diversi corpi illuminanti, cimeli di piloti importanti del passato, lampade in stile Miami decò, un bancone che ricorda nella forma i circuiti automobilistici e sedute di Cassina. 

Dal bar si accede poi allo spazio espositivo che ospita spesso le personalizzazioni dell’atelier milanese: al momento della nostra visita era esposta una Panda 4×4 prima serie, convertita ad alimentazione elettrica, impreziosita dagli interni in tessuto Vitale Barberis Canonico (prestigioso lanificio biellese che vanta una tradizione lunga più di 350 anni). Si tratta di una delle 5 Panda 4×4 Icon-e, il progetto di Garage Italia che punta a restaurare modelli iconici del passato trasformandoli in elettrici. 

All’interno della Materioteca, situata in quelli che una volta dovevano essere gli uffici dell’officina, frutto della collaborazione con Kartell, le loro iconiche sedie sono state personalizzate utilizzando le livree storiche di famose auto da corsa. Alle pareti della materioteca troviamo dei lamierini verniciati con diverse tecniche e colorazioni, questi sono esempi dei trattamenti possibili per la carrozzeria dei veicoli da personalizzare. Per gli interni, invece, troviamo una specie di libreria dove sono esposti tessuti e pellami. Per i tessuti il partner principale è Vitale Barberis Canonico mentre i pellami sono prodotti da Foglizzo; tra i materiali più particolari possiamo citare tessuti da sartoria, pelli di razza con inserti in polvere d’oro e cuoio vegetale ricavato da una foglia gigante. 

Per salire al ristorante è possibile usare l’ascensore o prendere le scale, l’ascensore presenta una seduta e dei rivestimenti in pelle e una volta arrivati al primo piano il rumore di un’automobile da corsa accompagna l’apertura delle porte; le scale invece sono rivestite da una resina antiscivolo cementizia nella quale una lavorazione al laser ha riprodotto i segni di pneumatici.

Il ristorante richiama, naturalmente, il tema dei motori: al soffitto è appesa una pista di macchinine, le sedute dei tavoli a parete riprendono quelle di un’automobile con la possibilità di abbassare i relativi braccioli, una riproduzione della 250 GTO in centro allo spazio, pensata in primis come banco bar utilizzato per la mescita, in caso di eventi è possibile farne altri utilizzi), l’illuminazione della sala, curata da Viabizzuno (la stessa azienda si occupa di importanti progetti di illuminotecnica, ad esempio della nuova illuminazione del Mosè di Michelangelo in San Pietro in Vincoli a Roma, è data da punti luce all’interno di marmitte. Sullo stesso piano è presente il piccolo dehors Riva Privée con qualche tavolino verso la parte frontale dell’edificio, affacciante su piazzale Accursio, mentre nella parte posteriore una terrazza con una rigogliosa vegetazione tropicale, accoglierà i clienti con il clima primaverile/estivo; su questo spazio si impone la grande scritta luminosa di Garage Italia che con le luci esterne dell’edifico, dona un’atmosfera assai differente durante le ore serali.

 

Ogni dettaglio, come avrete potuto notare, è studiato e ogni intervento è stato personalizzato per far sì che questo edificio diventi un landmark cittadino in una zona, quella del Portello, oggetto di una riqualificazione importante e divenuta parte di Alpha District, il nuovo distretto milanese del design, di cui le parole d’ordine sono: movimento, connessione, scambio, evoluzione.


Noi di FollowMi Around abbiamo potuto avere una visita fuori programma grazie a Michele Bombardieri, Facility Manager presso Garage Italia che ringraziamo per l’eccezionale tour che ci ha concesso. 

Autore: Andrea Cortinovis (Social Media Manager di FollowMi Around) 

 

LEAVE COMMENT